Gli esercizi per l'aspirante artista

 

 

 

 

Gli esercizi per l'aspirante artista e come farli

 

 

 

Copiare da fotografia può essere utile per iniziare a familiarizzare con le proporzioni, specialmente quelle del volto, e con tutte le falsi immagini che, contenute nella nostra mente, ci distolgono e ci distraggano dal soggetto reale. (A questo proposito potete leggere gli articoli che abbiamo dedicato al ritratto da fotografia. )

 

https://www.scuoladipitturaallaprima.com/articoli/le-12-fotografie-da-evitare-nel-ritratto/

https://www.scuoladipitturaallaprima.com/articoli/le-12-pose-vincenti-per-un-ritratto-di-successo/

 

 

Il ritratto da fotografia è quindi un esercizio utile e anche a buon mercato. Può essere indispensabile per chi vuole seguire la via del ritrattista, perché, in un certo qual modo, può accorciare i tempi di apprendimento permettendo allo studente di imparare a gestire le varie posizioni del volto (frontale, tre quarti e varie inclinazioni).

 


Il rischio dell'iperattenzione

 

 

C’è da dire però che chi si allena troppo con l'esercizio del ritratto da fotografia  spesso prova poi molte difficoltà quando inizia a confrontarsi con la realtà perché può aver abituato il suo modo di vedere all’immagine bidimesnionale della fotografia.

 

 

Molte persone che studiano a lungo questo esercizio entrano in uno stato di iperattenzione visiva di tipo fotografico, sviluppando  una vera e propria ossessione ai dettagli, che inevitabilmente li porterà con il tempo a seguire  tecniche iperrealistiche o comunque a creare immagini sempre più verosimiglianti. 

 

In questo modo si perdono forse il meglio della pittura, e cioè lo spettacolo che crea la luce sui corpi e i colori che questo fenomeno genera.

 


I grandi maestri

 

 

Un altro esercizio utile è la copia di quadri dei grandi maestri. La forza di questo esercizio sta nella possibilità che da allo studente di tentare di riprodurre, oltre alle forme, i colori. Per chi dipinge da poco, provare a riprodurre un colore è spesso impresa assai ardua.

 

Questo non perché riprodurre i colori sia così difficile, ma perché lo studente non conosce ancora bene i pigmenti che ha a disposizione, le loro potenzialità, le possibili combinazioni, quelle più utili e quelle da evitare. Ci vuole tempo per familiarizzare con la formazione dei colori, non bastano due o tre copie, anche se sicuramente il loro contributo lo possono dare. In questo esercizio è necessario anche conoscere la teorie dei colori e i principali sistemi di miscelazione dei colori e di come l’occhio umano li percepisce.

 

A questo proposito puoi vedere il nostro modulo https://www.scuoladipitturaallaprima.com/i-corsi/pratica-del-colore/

 


Copiare dal vero

 

 

Messe a posto queste due funzioni base sarà il momento di iniziare a mettere in moto il processo creativo e per far questo dobbiamo per forza confrontarci con la realtà, perché se non riusciamo a vedere come è fatta la realtà difficilmente potremo anche solo pensare di inventarne una nuova che possa in qualche modo "stare in piedi" e sopratttuo piacere a noi e al nostro pubblico.

 

Entrano qui in gioco il disegno dal vero che la pittura dal vero.

 

Il primo ci permette di ripetere l'esercizio delle proporzioni, ma questa volta con un soggetto tridimensionale. Si tratta quindi di un esercizio ben più difficile del ritratto da fotografia perché il nostro compitoè ora  di capire come fare per riportare una realtà tridimensionale in uno spazio bidimensionale come il foglio. In definitiva si tratta di costruire una illusione ottica molto attinente con la realtà che abbiamo di fronte. In questa fase di studio entrano quindi in gioco elementi di prospettiva , che, anche se semplificata, detterà le condizioni mediante le quali dovremo costruire la nostra illusione ottica.

 

Se ti interessa il disegno dal vero puoi dare un'occhiata a questo modulo https://www.scuoladipitturaallaprima.com/i-corsi/disegno-dal-vero/

 


 

Un altro punto chiave sarà quello di comprendere le ombre e i diversi valori tonali che si percepiscono nella realtà. In questo caso lo studio del chiaroscuro, se lo avremo ben fatto durante gli esercizi di copia da fotografia, ci potrebbe in qualche modo essere utile. Ma lo studio delle ombre è qualcosa in più di un semplice chiaroscuro. Le ombre riprodotte dal vero sono infatti parte integrante del soggetto che vogliamo riprodurre.

 

Personalmente non riesco più a fare differenza, quando mi accingo a copiare una composizione , o un volto, o un paesaggio dal vero, tra ombre e forme perché mi rendo conto che la loro speciale combinazione forma un soggetto unico ed irripetibile che solo quella particolare situazione di luce e di corpi riesce a creare.

 

Imparare il disegno di massa che va oltre al disegno di contorno diventa quindi esercizio indispensabile e utilissimo in questa fase, Esso ci proietta già verso la pittura. In merito al disegno di massa consiglio di leggere questo nostro articolo.

 

Sul disegno di massa puoi anche leggere il nostro articolo https://www.scuoladipitturaallaprima.com/articoli/per-il-principiante/


Lo studio del colore dal vero

 

Il secondo esercizio dal vero è la pittura. Specialmente con la tecnica ad olio si possono fare cose veramente notevoli.

 

Ci troveremo in questa fase a dare colore alle nostre copie dal vero: dovremo dare un colore ad ogni oggetto e un colore ad ogni ombra. Le ombre non sono nere o marroni. Ognuna di esse ha un suo specifico colore che è dato sia dal colore della superficie sulla quale l’ombra è proiettata che dalla intensità dell’ombra stessa. L’artista esperto non si perde nella ricerca estenuante dei singoli colori, il che richiederebbe tantissimo tempo e uno sforzo incredibile, ma si concentra sui rapporti che hanno i colori del soggetto, andando a studiare i rapporti tra i toni del colori (più o meno scuro) , la loro "temperatura" in termini  di caldo/freddo e i vari  livelli di saturazione.

L’aspirante artista deve quindi esercitarsi dapprima con tavolozze semplici., lasciando però da parte quelle dei tre primari ed usandone di più realistiche. Con tavolozze anche di soli due colori si possono creare quadri già molto complessi.

 

Se ti mancano le basi della pittura ad olio le puoi studiare qui https://www.scuoladipitturaallaprima.com/i-corsi/pittura-ad-olio/


Parola d'ordine: semplificare

 

 

Imparare a gestire questi fattori è già un obbiettivo di tutto rispetto.

 

E in questa fase lo studente non deve MAI cercare il dettaglio perché , per prima cosa, non è ancora in grado di realizzarlo nella giusta maniera perché ancora non “si è fatto la mano” ed inoltre deve prima imparare a semplificare, andando a gestire il suo lavoro gradualmente e trovando via via sempre maggior definizione. Il rischio, altrimenti, è di avere una tela che è una collezione di dettagli completamente slegati l’uno dall’altro, senza un qualcosa che li unisca e le armonizzi.

 


Attenzione e Presenza

 

Spesso lo studente che si attiene solo ai dettagli è perché non è ancora riuscito a trovare il modo di semplificare. L’attenzione ai particolari spesso è data da un atteggiamento anche psicologico. L’aspirante artista si pone davanti alla tela con lo spirito di fare un bel lavoro, ma immaginandosi l’oggetto nella sua testa e dimenticandosi di quello che ha di fronte.

 

E’ un errore tipico. Vedendo da fuori si osserva una persona intenta a dipingere un oggetto che ha di fronte, ma spesso, invece, la situazione è di una persona che sta imitando una immagine mentale data dall’oggetto stesso, come un suo riflesso, un'immagine cartonata.

 

E’ una situazione tipica che un occhio esperto vede con facilità. In questo senso possono essere inseriti esercizi indispensabili per avvicinare l'aspirante artista al giusto modo di vedere, potenziando cosi sia il suo sistema percettivo che il suo stato di attenzione e presenza.

 

Su questo punto puoi leggere anche il nostro articolo https://www.scuoladipitturaallaprima.com/articoli/il-tranello-della-tecnica/

Togliersi gli occhiali scuri non è così facile, perchè entrano in gioco tanti condizionamenti, ma è tutto sommato semplice se si seguono le indicazioni di chi ha già fatto questo percorso.

 


accedi ai nostri corsi dal vivo ed online